Associazione Istruzione Unita Scuola Sindacato Autonomo

IUniScuoLa Lombardia: Via Olona n.19-20123 Milano
info 3883642614



mercoledì 23 settembre 2015

Regione Lombardia: 3 milioni per garantire il sostegno agli alunni disabili

La Regione Lombardia nel 2015 ha stanziato 10 milioni di euro per far fronte alle criticità legate al mondo scolastico delle persone disabili (trasporto e assistenza). Sette già messi a disposizione dal settore Istruzione, gli ultimi tre stanziati nei giorni scorsi dal settore Famiglia
"Uno stanziamento di 3 milioni di euro per il sostengo degli alunni disabili della scuola secondaria di secondo grado con l'obiettivo di potenziare l'inclusione scolastica, migliorare l'assistenza educativa e il trasporto delle persone disabili. Il fondo sarà assegnato alle Amministrazioni provinciali e alla Città Metropolitana e ci consente di dare attuazione all'Intesa tra Regione Lombardia e UPL sul finanziamento delle funzioni provinciali". Così il governatore della Regione Lombardia Roberto Maroni.
 
"Nell'Intesa - prosegue Maroni - come Regione ci eravamo impegnati, tra l'altro, a rendere disponibili, per l'anno 2015, 10 milioni di euro per far fronte alle criticità legate al mondo scolastico delle persone disabili (trasporto e assistenza). Di questi 10, sette sono stati già stanziati dalla DG Istruzione e oggi gli altri tre dalla DG Famiglia".
 
"Con la decisione di oggi della Giunta - commenta il sottosegretario alle Riforme istituzionali, Enti locali, Sedi territoriali e Programmazione negoziata della Regione Lombardia Daniele Nava - abbiamo mantenuto l'impegno preso lo scorso aprile firmando l'accordo con le Province. E' l'ennesima conferma che Regione Lombardia è attenta ai bisogni dei suoi cittadini, in particolare quelli più fragili. Abbiamo sempre sostenuto che la riforma Delrio avrebbe provocato molti disagi, in particolare per gli studenti disabili, ed è esattamente quello che sta avvenendo. Con questi fondi restituiamo alle famiglie i servizi che il Governo ha tolto con le ultime manovre finanziarie e la Legge Delrio".

Nessun commento:

Posta un commento