Associazione Istruzione Unita Scuola Sindacato Autonomo

IUniScuoLa Lombardia: Via Olona n.19-20123 Milano
info 3883642614



venerdì 15 ottobre 2010

Docenti di sostegno: attivati in Lombardia ulteriori 64 posti di sostegno

IUniScuoLa: Ecco il Comunicato stampa della Direzione Generale sulle cattedre di sostegno attivate in Lombardia.
Docenti di sostegno: attivati in Lombardia 554 posti aggiuntivi
I ragazzi disabili che frequentano le scuole statali lombarde avranno a disposizione un maggior numero di docenti di sostegno: la Direzione Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia ha infatti disposto l’attivazione di ulteriori 64 posti di sostegno, che fanno seguito ai 490 già precedentemente istituiti in aggiunta ai numeri assegnati dal Ministero all’organico della Lombardia.
Nel quadro stabilito dalla sentenza della Corte Costituzionale 80/10 – che ha sancito l’illegittimità del limite posto dalla legge finanziaria 2007 al numero di posti di sostegno attivabili – le 554 cattedre aggiuntive sono state autorizzate vagliando i singoli casi proposti dalle scuole agli uffici territoriali, con particolare riguardo alle centinaia di nuove certificazioni pervenute dopo l’inizio dell’anno scolastico e agli alunni provenienti da altre province. Salgono così a 12218 le cattedre di sostegno complessivamente attivate in Lombardia, a fronte di 28148 alunni disabili frequentanti le scuole statali.
Rimane invece drammatico il problema del reclutamento degli insegnanti: in Lombardia le graduatorie dei docenti specializzati per l’insegnamento agli alunni portatori di handicap sono generalmente esaurite e le scuole sono costrette a far ricorso a personale non specializzato, ad ulteriore conferma degli esiti insoddisfacenti dell’attuale sistema di reclutamento che, risalendo sostanzialmente a norme del 1999, rivela tutta la sua fragilità.
Il direttore generaleGiuseppe Colosio

1 commento:

  1. Docenti di sostegno:Petizione IUniScuola

    In Lombardia il precariato è un problema non risolto . Il 17% dei docenti è precario e circa il 30% presta servizio su posto di sostegno con il possesso dell' abilitazione o idoneità all'insegnamento , privo della specializzazione per il sostegno richiesta per la stabilizzazione in ruolo.
    Si riporta la situazione esistente nel Milanese più o meno identica in termini percentuali a quella delle altre Città metropolitane.
    Dall’esame dei dati riassuntivi dei movimenti del personale della scuola in Provincia di Milano, a fronte delle corrispettive nomine in ruolo, emerge chiaro che il problema non è stato risolto ma solo apparentemente dilazionato. Diamo prima di tutto un rapido sguardo ai numeri: nell’anno scolastico 2006/2007 i docenti con incarico a tempo indeterminato erano 37.437, di cui 1.814 su sostegno; i docenti con incarico a tempo determinato erano 8.621, di cui 2.572 su sostegno. Per l’anno scolastico in corso (2007/2008) il contingente stabilito per le nomine in ruolo è stato di 4.840 (organico di diritto), mentre le nomine in ruolo autorizzate sono state 3.005, di cui l’80% con contratto stipulato a partire dal 1° settembre 2007; il restante 20% è in fase di copertura con contratti a partire dal 1° settembre 2008 e coperti nel c.a.s.con nomine sino al 30 giugno 2008. Il contingente per gli incarichi annuali a tempo determinato sino al 31 Agosto 2008 è di 1.385 di cui 168 su sostegno. Ora diamo un’occhiata ai posti che si erano resi disponibili all\'inizio dell\'anno per pensionamenti, decessi(154) e passaggi a Dirigente Scolastico: sono stati 2.725; mentre i posti disponibili a tempo determinato sono stati 7.906(sostegno 2.308) di cui solo 4.110 con contratto sino al 31 agosto 2008, e sono stati coperti con nomine dalle graduatorie ad esaurimento, o con nomine provvisorie dei Dirigenti Scolastici(elaborazione IUniScuola). Bisogna ricordare inoltre che c’è anche un numero imprecisato di assegnazioni provvisorie e di distacchi, attualmente non censito. Quali conclusioni trarre da tutto questo affastellamento numerico?. E’ molto semplice: questo macchinoso e pachidermico ingranaggio che viene da decenni messo in moto nell’assegnazione degli incarichi è ormai arrugginito e rischia di incepparsi da un momento all’altro. Già quest’anno, come a suo tempo noi di IUniScuola avevamo denunciato, i posti rimasti vacanti sono stati troppi e abbiamo assistito alla rincorsa degli aspiranti nelle graduatorie d\'istituto da parte dei presidi, a graduatorie (D.D.G. 16 Marzo 2007)esaurite. Quali sono dunque le nostre proposte concrete anzi concretissime? Prima di tutto, l’aumento del cosiddetto organico di diritto; in secondo luogo la copertura di tutti i posti vacanti con nomine in ruolo; in terzo luogo, una gestione rigorosa e reale delle nomine entro il 31 Luglio utilizzando tutte le risorse selezionate esistenti. Come? Con l’istituzione di un Albo Regionale dei docenti abilitati, con l’obbligo della permanenza di almeno cinque anni nelle scuole della Provincia per i Docenti nominati in ruolo. Infine la IUniScuola invita chi di dovere a pensare procedure di corsi di riconversione per l\'acquisizione del titolo di specializzazione per il sostegno da parte dei precari in possesso di abilitazione o idoneità conseguita con concorso ed in servizio su posti di sostegno eliminando quel costoso e inutile Limbo rappresentato dalle Scuole di Specializzazione, per perorare il ritorno a un corso-concorso in servizio, così come avviene in tutti gli altri settori .
    Milano,10 novembre 2007
    Primo firmatario della PETIZIONE : Leonardo Donofrio Presidente IUniScuola
    Per aderire alla Petizione inviare un e-mail:
    istruzione@iuniscuola.it

    RispondiElimina